“Anche questa sera, cari figli, vi sono particolarmente riconoscente per essere venuti qui. Adorate senza interruzione il Santissimo Sacramento dell’altare. Io sono sempre presente quando i fedeli sono in adorazione. In quel momento si ottengono grazie particolari”

(Messaggio del 15 marzo 1984)


Gli “Adoratori con Maria Regina della Pace” si riconoscono come un gruppo di preghiera di lode carismatica spontanea, ritenendo che i carismi dello Spirito Santo nella Chiesa primitiva siano ancora possibili per i cristiani di oggi e possono essere sperimentati come allora, rivivendo una nuova Effusione attraverso il Battesimo dello Spirito.

Dal settembre 2011 gli “Adoratori con Maria Regina della Pace” si riuniscono tutti i sabati alle ore 20:30 in adorazione e lode davanti al SS.mo Sacramento solennemente esposto nella Basilica di Sant’Anastasia.

Composto al principio da una cinquantina di persone, per lo più giovani, il gruppo si raccoglie e si cementa intorno all’ispirazione di Marco Bonafaccia, maturata nel corso del suo cammino spirituale.

Il numero degli Adoratori che si raccoglievano il sabato sera nella cappella dell’adorazione perpetua, posta nella navata sinistra della Basilica, è esploso nel corso di pochi mesi, al punto che si è ritenuto necessario spostare l’Ostensorio sull’altare maggiore, al fine di offrire accoglienza ai fedeli che costantemente partecipano.

Il carisma dell’Adorazione Eucaristica è dunque il cardine sul quale poggia e ruota il gruppo sin dal suo nascere e della presenza di Gesù vivo si nutre e si rafforza per crescere robusto di fronte alle sfide del mondo contemporaneo. Adorare il Re dei re, unendosi al canto degli angeli e dei Santi, è il filo conduttore di tutta la preghiera, accompagnata dal suono di chitarra e dal coro potente dell’assemblea tutta.

Poiché l’Eucarestia è una “perpetua Pentecoste” (come scrisse Benedetto XVI nel discorso per la XXIII G. M. G.) il cammino che i membri del gruppo hanno maturato in un crescendo costante, è quello di una potente Effusione dello Spirito Santo, di una conversione e riavvicinamento alla vita cristiana, di un risveglio di tutti i carismi, specie quelli della Lode, dell’Evangelizzazione, della Intercessione per i sofferenti e della Profezia.

Ogni anno i membri nuovi del gruppo partecipano al Seminario Vita Nuova nello Spirito e, a Pentecoste, ricevono la preghiera di Effusione dello Spirito Santo.

Al fianco di Gesù è Maria, Madre di Dio e Madre nostra dolcissima, la più perfetta adoratrice della storia, Madre della Chiesa e Regina della Pace, eletta a custode del gruppo e dell’intera comunità, Ella accompagna la preghiera di adorazione con la Sua presenza tenerissima. L’amore per Maria e l’abbandono fiducioso alla Sua intercessione, è dunque un altro elemento fondante degli Adoratori, che si pongono alla Sua sequela guardando alla Madre Santa come a Colei che conduce a Gesù, nella certezza e nella solidità di una fede in sintonia perfetta con la Madre Chiesa. Per queste ragioni la preghiera di lode e l’adorazione sono precedute dalla recita del Santo Rosario.

La preghiera spontanea di chi anima l’adorazione coinvolge l’assemblea secondo le indicazioni contenute al numero 33 dell’enciclica “Novo millennio ineunte”:
Sì, carissimi Fratelli e Sorelle, le nostre comunità cristiane devono diventare autentiche «scuole» di preghiera, dove l’incontro con Cristo non si esprima soltanto in implorazione di aiuto, ma anche in rendimento di grazie, lode, adorazione, contemplazione, ascolto, ardore di affetti, fino ad un vero « invaghimento » del cuore. Una preghiera intensa, dunque, che tuttavia non distoglie dall’impegno nella storia: aprendo il cuore all’amore di Dio, lo apre anche all’amore dei fratelli, e rende capaci di costruire la storia secondo il disegno di Dio”.

 

Dopo una pausa riservata alla proclamazione della Parola di Dio, gli Adoratori nuovamente innalzano canti di giubilo e rendono grazie al Signore Gesù, per poi proseguire con l’invocazione allo Spirito Santo: il Paraclito, il Maestro interiore, cui la comunità dedica ampio spazio, riconoscendo la Sua Signoria sulla propria vita e chiedendo la Sovranità della Sua Santa guida nel cammino quotidiano. La preghiera quindi si apre a un momento di intercessione comunitaria per i sofferenti.

Durante tutta la preghiera è presente un sacerdote che esercita il suo ministero. Il gruppo ha un pastorale di servizio che si incontra con frequenza variabile per organizzare le diverse attività.

Il pastorale degli ‘Adoratori’ svolge un servizio ai fratelli al fine di accrescere la fede di ognuno e di incontrare sempre più profondamente il Signore.

 

All’interno del Pastorale sono distribuiti i ministeri di accoglienza e di evangelizzazione, perché il gruppo possa crescere non solo nel numero, ma soprattutto nella qualità del cammino spirituale di ciascuno, accompagnando con amore i fratelli all’ascolto della Parola di Dio, a rinnovare la propria vita sacramentale, con una frequente e costante partecipazione alla Santa Messa e al sacramento della Riconciliazione.

Su richiesta di molti partecipanti sono stati registrati sei cd musicali con i canti di lode e di adorazione della preghiera del sabato; le offerte dei primi quattro cd sono state devolute per le missioni di santa Anastasia in Uganda. La raccolta delle offerte per il quinto ed il sesto cd è invece destinata alla missione di sorella AnnaTommasi in Malawi, con il patrocinio del Vicariato di Roma.

Nel corso dell’anno il gruppo promuove:

  • Pellegrinaggi periodici, invitando tutti gli ‘Adoratori’ a recarsi insieme presso un Santuario, ove si possa pregare insieme e insieme gioire dei tesori della Chiesa, attingendo dall’esempio dei Santi.
  • Uscita di evangelizzazione mensile, portando la preghiera di lode e adorazione nelle realtà parrocchiali romane.

Gli Adoratori sono stati invitati a portare la loro testimonianza di preghiera in varie parrocchie e monasteri al fine di sostenere il moltiplicarsi di esperienze analoghe.